header image
 

Ciovi fora e ‘nta lu cori

Ciovi e tira vientu,

pari ca u munnu vulissi canciari,

pari ca u cielu vulissi avvisari ca u tiempu e’ nostru,

u tiempu e’ preziusu e puru na iurnata ri acqua nun si puo’ lassari senza campari.

Scrusciu ri trona e ri lampi,

scantu pi cu li senti e si li trova i ravanti,

u stissu scrusciu ca si senti rintra lu cori

quannu i lampi fanu allustru senza fare scrusciu!

Piove e tira vento, sembra che il mondo cambi, sembra che il cielo ci avvisa che il tempo e’ nostro, e’ prezioso e anche una giornata di pioggia non si puo’ lasciare senza viverla. Rumore di tuoni e lampi, paura per chi li sente e se li trova davanti, lo stesso rumore che si sente dentro il cuore quando i lampi fanno luce nel cielo senza far rumore..

~ di Zagara on 20 Gennaio 2013.

Una risposta to “Ciovi fora e ‘nta lu cori”

  1. Zagara scrosci d’acqua tuoni e fulmini costì
    qui neve e ancora neve silenziosa che cresce
    neve che si scioglie e arriva il terremoto
    chi sa cosa ci aspetta questa settimana entrante da domani.
    Molto accattivante leggere in dialetto
    un ritmo che accarezza
    Dopo la quinta lettura si intende
    Allegria l’acqua è vita.